Chi è Gaetano Biraghi?

Alla scoperta dei docenti di Photo ARCHITETTI

photo_architetti_copertina_articolo_gaetano_biraghi

Si diploma come Perito Elettronico nell’Istituto Radio Tecnico Beltrami ( MI ) nel 1982. Dal 1983 al 1987 svolge attività di assistenza nell’ambito dei laboratori di ricerca per il settore chimico, farmaceutico, alimentare.

 

L’esperienza maturata sull’uso di bilance elettroniche di alta precisione, inerfacciate con i primi elaboratori industriali Epson HX20 e Epson PX4, lo porta ad entrare nella nuova nata Epson Italia nel 1987.

 

Nel 1990, tecnico di laboratorio con attività di sviluppo prodotto, dove costruisce le sue prime conoscenze relativamente ai canali di vendita. Nel 1996, entra nella divisone vendite come specialista di prodotto per la linea Videopoiettori occupandosi delle nuove applicazioni con queste tecnologie propietarie Epson.

 

Dal 2007 entra nella Business Grafica sviluppando attività di presales e vendita. Qui inizia ad introdurre la problematica del colore in stampa tenendo corsi presso Ordini di Architettura, Collegi di Geometri, e Facolta Universitarie. Ha sviluppato una tecnica nuova per parlare del colore raccontando come entra nella nostra vita quotidiana, con con un percorso accattivante e molto semplice che lascia ai partecipanti nozioni importanti per la conoscenza del colore legato alle emozioni. Dal 2008 ha sviluppato la collaborazione con la Facolta di Architettura di Ferrara accettando insieme a loro nuove sfide “coraggiose” e innovative.

 

Di cosa ti occupi in Epson?

Area manager nella divisione grafica largo formato. Nella mia area gestisco i rivenditori che si occupano della commercializzazione delle stampanti largo formato Epson per i mercati fotografici, affissione, tessile, sublimazione, prova colore e … insomma un’attività a largo spettro che mi permette di visitare anche gli utenti finali. In questo modo posso vedere le stampanti Epson e lavoro negli ambienti più disparati!

 

Qual è il tuo ruolo all’interno di Photo ARCHITETTI?

Con Epson faccio parte degli sponsor Platinum. Il mio ruolo da docente, proprio nella filosofia di Photo Architetti, è quello di “trascinare” la platea nel mondo del colore. Un mondo che il più delle volte ci circonda ma che spesso non ci fermiamo a vedere e riflettere. Diciamo che tra le figure di Photo Architetti, faccio l’intervento “meno tecnico, ma più d’impatto”!

 

I tuoi interventi sul Colore sono molto accattivanti. Parole semplici ed ironia per presentare concetti a volte molto complessi.

Come nasce il “personaggio Biraghi”?

Il personaggio Biraghi nasce in un modo un po’ strano … qualche anno fa sono stato coinvolto in un tour di lancio della nuova versione software di un prodotto leader nel settore architettonico. Ho iniziato a fare interventi istituzionali parlando dell’importanza del colore per la rappresentazione corretta di un progetto. Dopo qualche tappa, e dopo qualche faccia un po’ troppo “non ho capito niente”, mi sono confrontato con le persone del software e … abbiamo deciso “di colorare” il mio intervento parlando di come il colore emoziona ogni giorno, ogni momento, ciascuno di noi. E così, tra sorrisi, battute, e un po’ di coraggio (perché a volte bisogna proprio averne …) è nato il “personaggio Biraghi”.

 

photo_architetti_copertina_articolo_gaetano_biraghi_bis

Dal monitor alla stampante. Come stampare correttamente un’immagine a colori?

In anni di corsi ed interventi, alla domanda: chi vede i colori e riesce a stamparli uguali? Quasi nessuno alza la mano … la gestione colore è un modo semplice che usa il principio “del colore e non dei numeri dei colori” per rendere allineati i vari dispositivi. In altre parole, per avere due colori uguali, bisogna cambiarne i numeri. Ma per fortuna ci sono i programmi che rendono tutto ciò trasparente per l’utente. In questo modo, io amo dire “con 5 click a modo”, qualsiasi file può essere gestito. Poi … ci vediamo ai seminari!

 

Cosa è per te il  COLORE?

Tutto? Forse. Tanto? Boh … nei corsi esprimo sempre il concetto che a me la macchina nera non piace, aprire il box al mattino e pensare di stare in un’auto nera mi infastidisce. E mi chiedo, perché c’è chi la preferisce nera? Forse il colore per me, per tutti è emozione!

 

Quali sfide nel prossimo futuro?

Continuare a sviluppare il mio intervento, che ormai viene richiesto anche in settori non propriamente informatici. Sicuramente, continuare a regalare alla platea qualche minuto dove finalmente “non c’è niente da imparare” ma c’è un po’ da riflettere, magari con qualche sorriso in più (visto che ogni giorno siamo sempre più arrabbiati …).

 

A cura di Daniela Sidari

Architetto e Fotografo

Responsabile Didattico Photo ARCHITETTI



Condividi questo articolo se ti è piaciuto!